venerdì, Luglio 19, 2024
HomeNotizie Locali ItaliaVenezia MetropolitanaSpinea (Ve), ex fidanzato non si rassegna alla fine della breve storia...

Spinea (Ve), ex fidanzato non si rassegna alla fine della breve storia diventando un vero incubo per la donna: denunciato e allontanato dai Carabinieri

Tempo di lettura: 2 minuti

SPINEA – Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della Compagnia di Mestre, nello specifico quelli della Stazione di Spinea, hanno applicato la misura cautelare del divieto di avvicinamento e di relazionarsi con la vittima su ordinanza emessa dal GIP del Tribunale di Venezia per i gravi reati di minacce e violenze contro la ex ragazza, continuati ed aggravati, nei confronti di un 22enne di origini turche. 

L’uomo, è infatti accusato di gravissimi comportamenti violenti e vessatori nei confronti di una donna del posto con la quale aveva avuto un pur breve relazione, umiliata personalmente e presso i parenti, minacciata pesantemente, seguita al lavoro ed a casa dove si presentava anche in piena notte, percossa a più riprese ed indotta in tale guisa in uno stato di soggezione e panico assoluto. Di fatto la donna, nel corso degli ultimi mesi, era stata costretta ad un vero e proprio incubo. La gelosia morbosa dell’uomo che non si rassegnava ed in preda ad una vera e propria ossessione morbosa, le aveva rovinato qualsiasi possibilità di una vita normale.

La donna, al culmine dell’ennesimo episodio di violenza, riesce a lanciare un messaggio di aiuto, subito raccolto dai Carabinieri della Stazione di Spinea, che la ascoltano e la inducono a denunciare le violenze. I militari, acquisito il primo sfogo della vittima, suscitano in lei la consapevolezza di essere oggetto di continui soprusi, ma anche che le soluzioni esistono e possono essere applicati gli strumenti che la recente legislazione mette a diposizione per le condotte di “stalking”.

Viene subito informata l’Autorità Giudiziaria, denunciando lo straniero a fine gennaio in prima istanza e chiedendo nell’occasione all’autorità giudiziaria l’emissione di un provvedimento cautelare adeguato. La richiesta è pienamente giustificata dal fatto che la donna aveva subito negli anni violenze psicologiche e fisiche pesantissime, minacce verbali e tramite continui incessanti messaggi sul cellulare suo e dei parenti, vere e proprie aggressioni per strada dove la poveretta veniva presa letteralmente per il collo e tirata per i capelli allo scopo di indurla a seguirlo e a riallacciare il rapporto. 

All’uomo è stato quindi notificato formalmente un provvedimento cautelare di divieto di avvicinamento alla donna, accompagnato da quello di comunicare con lei attraverso i vari tipi di messaggi anche con piattaforme social.

Most Popular

Recent Comments