giovedì, Luglio 25, 2024
HomeSportCalcioIl Venezia supera il Lecce e vola in finale playoff. Sarà derby...

Il Venezia supera il Lecce e vola in finale playoff. Sarà derby veneto con il Citta

Tempo di lettura: 3 minuti

LECCE – Semifinale di ritorno playoff del campionato di Serie BKT tra Venezia e Lecce. Dopo l’1-0 per gli arancioneroverdi maturato tre giorni fa al Pier Luigi Penzo di Sant’Elena, oggi si gioca al Via dal Mare di Lecce per staccare il biglietto valido per l’accesso alla finale per la promozione in Serie A.

Mister Zanetti schiera il 4-3-3: In difesa Svoboda al posto di capitan Modolo, in mediana Taugourdeau in cabina di regia con Maleh sulla fascia sinistra e Crnigoj al posto di Fiordilino dalla parte opposta, in avanti il tridente d’attacco con l’ex Di Mariano, Forte ed Aramu.

Mister Corini opta per il 4-3-1-2: in mediana Henderson prende il posto di Bjorkengren in avanti il tandem d’attacco Pettinari – Coda con Nikolov a supporto.

Sul campo è il Lecce che da subito cerca di fare la partita. I giallorossi comprimono gli arancioneroverdi sulla trequarti e al 22’ si fanno pericolosi sotto porta: Coda sfrutta un rimpallo, appoggia indietro per Maggio che spara di sinistro verso la porta, Maleh si immola e di schiena riesce a deviare a lato.

Al 36’ clamoroso brivido per i leoni: tiro di Henderson deviato da Svoboda, la palla arriva a Maenpaa che disturbato dal vento non riesce a trattenere e devia sulla testa di Molinaro, il pallone si stampa sulla traversa, a questo punto Maenpaa riesce a farla sua.

I giallorossi continuano a mettere pressione costringendo i lagunari ad “alzare il Mose”.

Al 44’ l’episodio chiave della prima frazione: Taugourdeau ci prova direttamente da corner, Gabriel respinge, Svoboda riesce ad anticipare Maggio che lo stende. Proteste da entrambe le squadre, il VAR richiama il Direttore di gara che va a rivedere l’azione. Irrati non ha più dubbi ed assegna il penalty agli arancioneroverdi. Aramu si assume l’incarico dagli undici metri. Il dieci veneto la piazza bassa alla sinistra di Gabriel che resta immobile spiazzato. Venezia 1, Lecce 0.

I padroni di casa si riversano subito in attacco e sfiorano il pari al quinto minuto di recupero oltre il 45’: Coda libera il destro ribattuto da Ceccaroni, la palla torna a Coda che scarica di sinistro in porta, Maenpaa reattivo riesce a deviare in corner.

Al settimo minuto di recupero con il triplice fischio di Irrati termina la prima frazione con il Venezia in vantaggio per una rete a zero.

Primo tempo dominato dai salentini che si sono dimostrati aggressivi fin dai primi minuti sfiorando il vantaggio con Maggio, Coda ed il brivido con Maenpaa e Molinaro concluso sul montante. I leoni che si sono affacciati solo allo scadere del primo tempo sono riusciti a concretizzare il penalty di Aramu concesso per il fallo di Maggio su Svoboda.

Zanetti lascia negli spogliatoi Mazzocchi, al suo posto Ferrarini.

Al 52’ Zanetti è costretto alla sostituzione di Aramu, che accusa qualche problema, al suo posto Johnsen.

I padroni di casa continuano a dettare il ritmo, i leoni difendono con ordine.

Al 63’ doppia sostituzione per mister Corini: escono Gallo e Majer, al loro posto rispettivamente Calderoni e Tachtsidis.

Al 65’ sono i giallorossi a riagguantare il pari: sugli sviluppi di un corner, Coda crossa al centro, Tachtsidis ci prova in girata, respinge Maenpaa, Lucioni appoggia a Pettinari che da sotto porta non sbaglia. Lecce 1, Venezia 1.

Doppia sostituzione per Zanetti al 76’: fuori Forte e Di Marinano, dentro rispettivamente il “doge” Bocalon e Cremonesi.

Al 79’ l’episodio che potrebbe cambiare la storia del match: tanti uomini nell’area lagunare, Maggio calcia di prima sul braccio sinistro di Maleh, proteste inutili dei veneti, Irrati indica il dischetto. E’ Mancosu a caricarsi sulle spalle la responsabilità del penalty. Maenpaa attende fino all’ultimo per cercare di intuire la traiettoria ma l’otto giallorosso spara alle stelle.

I leoni restano ancora in partita ma continuano a subire gli attacchi rabbiosi dei padroni di casa.

All’84’ Zanetti sfrutta anche l’ultima sostituzione, fuori Taugourdeau, dentro Dezita.

Anche Corini all’85’ esaurisce le sostituzioni con l’ultimo doppio cambio tentando il tutto per tutto: escono Maggio e Henderson, dentro rispettivamente Paganini e Delgado.

Arrembaggio finale del Lecce, gli ospiti cominciano ad accusare crampi.

Irrati concede 5’ di recupero ma i giallorossi non riescono a sbloccare il risultato.

Al 96’ il triplo fischio del Direttore di gara termina il match con il punteggio di  Lecce 1, Venezia 1.

Nel secondo tempo i padroni di casa riescono a trovare il goal del pareggio con Pettinari.

Mancosu spreca il goal-qualificazione dagli undici metri.

I ragazzi di Zanetti sono in finale.

Mister Zanetti commenta il match

Il Venezia stacca il biglietto della doppia finale playoff grazie alla vittoria di misura rimediata al Penzo lunedì.

Domenica si disputerà la finale di andata al Tombolato con il Cittadella che ha superato il Monza nell’altra semifinale; giovedì la gara di ritorno al Penzo.

Giovedì sapremo chi fra Venezia e Cittadella sarà la terza squadra che si meriterà la promozione in Serie A.

I ragazzi di Zanetti festeggiano la finale appena conquistata

Most Popular

Recent Comments