domenica, Giugno 16, 2024
HomeNotizie Locali ItaliaVenezia MetropolitanaIl sindaco Brugnaro al "Giorno della Laurea" in Piazza San Marco. Il...

Il sindaco Brugnaro al “Giorno della Laurea” in Piazza San Marco. Il messaggio agli studenti: “Fate sogni, pensate in grande, scoprite le opportunità che il mondo vi mette a disposizione, ma non smettete mai di scommettere sul vostro Paese e su Venezia”

Tempo di lettura: 3 minuti

VENEZIA – Il tocco di 350 studenti dell’Università Ca’ Foscari è tornato a sventolare in piazza San Marco. Nel pomeriggio di oggi, mercoledì 13 ottobre, si è rinnovato l’appuntamento con il Giorno della Laurea, la tradizionale cerimonia che dopo il periodo di pandemia quest’anno è stata celebrata in presenza. Sono circa 1300 gli studenti protagonisti delle tre cerimonie, a quella odierna si aggiungono quelle in programma domani alle ore 10:30 e alle 15.

Crediti fotografici: Città di Venezia

L’appuntamento si è aperto con i saluti dalla rettrice Tiziana Lippiello, prima della consegna degli attestati dal palco è intervenuto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. All’evento ha partecipato anche l’assessore comunale all’Università, Paola Mar.

Crediti fotografici: Città di Venezia

“Oggi, per tutti voi, è un giorno di festa perché dopo anni di studio e di sacrifici avete raggiunto l’importante traguardo della laurea – ha esordito il sindaco Brugnaro. Siamo nella piazza più bella del mondo proprio nell’anno in cui celebriamo i 1600 anni di Venezia. Su questi masegni e all’interno dei palazzi che ci circondano si è costruita la storia di un intero popolo. Da Palazzo Ducale, sede del potere politico e amministrativo della Città, all’area Realtina, luogo di scambi commerciali e degli affari, passando per l’Arsenale, simbolo della tecnica navale e della supremazia militare sui mari, Venezia ha saputo condizionare la storia del mondo e oggi voi entrate a pieno titolo a far parte di questa realtà”.

“Qui avete studiato e avete trascorso alcuni degli anni più belli della vostra giovinezza – ha detto il primo cittadino. Avete scelto Venezia e Venezia vi ha accolto a braccia aperte perché voi siete il futuro e perché rappresentate lo spirito positivo che anima il progresso e lo sviluppo del mondo intero. Ora avete il grande compito di partecipare, con il vostro entusiasmo, con la vostra preparazione e con il vostro impegno, alle scelte di chi, a qualsiasi livello, è chiamato a decidere per le future generazioni”.

Dopo aver citato lo scrittore e accademico statunitense Kurt Vonnegut, il sindaco ha aggiunto: “Siate positivi, non fatevi condizionare troppo dagli altri, siate voi stessi, abbiate fiducia nelle vostre capacità e non abbiate timore ad accettare quei fallimenti che, necessariamente, sarete chiamati ad affrontare nella vostra vita. Cadere e trovare la forza per rialzarsi è una delle più importanti capacità per raggiungere i migliori traguardi. Non fermatevi a guardare il “dito”, andate in profondità delle cose, non siate superficiali. Non accettate le sterili generalizzazioni perché, in realtà, dietro all’apparenza si nascondono percorsi faticosi e complessi”.

Crediti fotografici: Città di Venezia

Poi il passaggio sul futuro che attende gli studenti, al termine del percorso universitario: “Da oggi, per ognuno di voi si apre un nuovo capitolo: c’è chi inizierà a lavorare, chi continuerà a studiare e chi deciderà di affrontare la propria vita secondo il disegno che si è prefigurato. A voi tutti però vorrei arrivasse forte e chiaro il mio appello: fate sogni, pensate in grande, aprite i vostri orizzonti e, se credete, andate a scoprire le opportunità che il mondo vi mette a disposizione, ma poi, vi prego, tornate qui, non smettete mai di scommettere sul nostro Paese, l’Italia. L’Italia, dopo questa terribile ondata di pandemia, ha voglia di riscattarsi e di tornare a crescere. Ora più che mai abbiamo bisogno di voi. Il futuro è qui, io sono sicuro di questo e ve lo voglio dire. L’Italia e Venezia saranno sempre la vostra “casa”.

Crediti fotografici: Città di Venezia

L’ultimo passaggio del discorso del sindaco è stato il ricordo della cerimonia che si è tenuta in piazza San Marco nel 2015, allora sul palco salì Gino Strada, che rivolgendosi ai giovani laureati disse ‘Tenete presente che siete un pezzo di un corpo più grande e che avete una responsabilità verso tutti (…) Avete un dovere, quello di spartire con la società il vostro sapere’. “Tornare a far riecheggiare le sue parole in questa piazza non solo vuol essere un omaggio ad un sincero amico di Venezia e ai suoi importanti progetti per la Città, ma vuol anche ribadire un invito che dobbiamo fare nostro – ha concluso Brugnaro – Tutti noi abbiamo il dovere di metterci in gioco e “spartire il nostro sapere”. Ognuno di noi saprà, in cuor suo, quello che è il modo migliore per farlo! Venezia, che a braccia aperte vi ha accolto in questi anni, sarà sempre al vostro fianco. Qui troverete una Città aperta, libera e in grado di guardare al futuro con la stessa passione e lo stesso entusiasmo che oggi avete nel cuore”.

Crediti fotografici: Città di Venezia

C.S. Città di Venezia

Most Popular

Recent Comments