domenica, Giugno 16, 2024
HomeNotizie Locali ItaliaJesoloJesolo: l'amministrazione comunale incontra la comunità ucraina

Jesolo: l’amministrazione comunale incontra la comunità ucraina

Tempo di lettura: 2 minuti
Sabato il vicesindaco Roberto Rugolotto ha incontrato i cittadini ucraini residenti a Jesolo. Un momento per manifestare vicinanza e raccogliere la disponibilità per affrontare la gestione dei profughi giunti in città e in arrivo nelle prossime settimane

JESOLO – Sabato 19 marzo, l’assessore alle Politiche sociali e vicesindaco della Città di Jesolo, Roberto Rugolotto, ha incontrato la comunità ucraina residente insieme ai collaboratori dell’ufficio Servizi sociali. L’appuntamento ha avuto un duplice fine: da un lato manifestare la solidarietà dell’amministrazione comunale a un gruppo di cittadini che fa parte della comunità jesolana pur provenendo da un altro Paese, dall’altro fornire informazioni e ricevere disponibilità per affrontare congiuntamente l’accoglienza di coloro che fuggono dall’Ucraina a causa del conflitto in corso.

All’incontro, svoltosi presso la Sala consiliare del Comune, hanno partecipato circa 60 persone. Gli incaricati dei Servizi sociali hanno fornito loro le informazioni necessarie per avviare le pratiche che consentono l’accoglienza entro i termini di legge. Al contempo l’amministrazione ha raccolto il pieno sostegno dei presenti a favorire l’integrazione dei loro connazionali sfollati in maniera attiva, mettendosi a disposizione per diverse attività, tra cui il servizio di interpreti. Molte famiglie, come hanno sottolineato, arrivano prive di ogni mezzo di sostentamento. Ad oggi, con il coordinamento dei Servizi sociali del Comune di Jesolo, sono stati messi a disposizione da parte di cittadini circa 60 posti letto in strutture e residenze private.

L’incontro, voluto e organizzato dall’amministrazione comunale per creare rete con la comunità ucraina, fa seguito ad altri incontri di coordinamento tenuti con i dirigenti della Polizia di Stato, gli istituti scolastici, le società partecipate del Comune, le parrocchie, la Caritas, le associazioni di volontariato e quelle sportive. Anche in questo caso, l’obiettivo è quello di creare un contesto favorevole all’integrazione dei rifugiati, e in particolar modo dei numerosi bambini.

Date le esigenze manifestate dai cittadini ucraini, e le informazioni raccolte ed elaborate dall’Ufficio in queste settimane, la ricerca di strumenti utili all’accoglienza si sta attualmente concentrando sulle cosiddette “Gift card” dei supermercati. Questo supporto, con il coordinamento dell’Ufficio stesso, potrebbe essere consegnato ai diversi nuclei familiari ospitati a Jesolo per fronteggiare le prime urgenti e impellenti necessità. Chi desiderasse farne dono può scrivere all’indirizzo email ucraina@comune.jesolo.ve.it o chiamare lo sportello dei Servizi sociali al numero 0421359188.

“L’incontro si è rivelato particolarmente efficace per fare il punto, fornire informazioni e raccoglierne – dichiara il vicesindaco Roberto Rugolotto -. Le persone che abbiamo incontrato, pur essendo nate in un altro Paese, vivono a Jesolo e fanno parte della nostra comunità, che contribuiscono a far crescere con il loro lavoro e la loro partecipazione alla vita cittadina. Molti di loro hanno familiari, parenti o amici nascosti nei bunker che vediamo al telegiornale. Qualcuno è riuscito a scappare, qualcun altro speriamo ci riesca senza rimanere coinvolto nel conflitto. Stiamo cercando di fare il possibile per aiutare, senza arretrare per quanto riguarda il resto dell’attività quotidiana dei Servizi sociali, ma è molto impegnativo e la vicinanza della comunità ucraina può rivelarsi cruciale”.

Most Popular

Recent Comments