mercoledì, Giugno 12, 2024
HomeNotizie Locali ItaliaJesoloJesolo: nuovo centro natatorio, entro l’anno la firma del contratto

Jesolo: nuovo centro natatorio, entro l’anno la firma del contratto

Tempo di lettura: < 1 minuto

In arrivo la validazione del progetto

JESOLO – L’amministrazione comunale, con un atto di ricognizione, ha fatto il punto dello stato di attuazione relativo alla realizzazione di un nuovo centro natatorio in viale Martin Luther King. Questo passaggio, definito con delibera di giunta, ha natura prevalentemente tecnica ma risulta indispensabile per i prossimi step previsti dall’iter burocratico.

La procedura è iniziata nel maggio 2020, quando un gruppo di imprese ha presentato la proposta per l’attivazione di un partenariato pubblico-privato finalizzato alla progettazione, alla realizzazione, alla manutenzione e alla gestione per 20 anni di un nuovo impianto natatorio. Tale proposta è stata approvata dal consiglio comunale, nel dicembre dello stesso anno, sulla base dell’interesse pubblico che implica e successivamente è giunto il via libera dell’aula anche al progetto di fattibilità tecnica ed economica (aprile 2021). Nel marzo 2022, sono state aggiudicate al raggruppamento temporaneo di imprese la realizzazione dei lavori e la gestione dell’impianto.

Il progetto definitivo dell’opera sta concludendo la fase di verifica, propedeutica all’approvazione, per poi acquisire tutti i pareri degli enti coinvolti. Una volta ottenuta la validazione, si andrà alla firma del contrattoche secondo le previsioni dovrebbe arrivare entro l’anno in corso.

“Quello approvato in giunta è stato un passaggio formale ma indispensabile per dare seguito alla realizzazione del progetto – dichiara il sindaco della Città di Jesolo, Christofer De Zotti –. La nuova piscina, che prenderà il posto di quella ora esistente, risponderà ai nuovi criteri di efficienza ma sarà anche più appetibile da parte degli utenti. Sul futuro della vecchia struttura abbiamo già avviato un ragionamento profondo, partendo dal presupposto che vogliamo mantenerla tra i beni immobili di proprietà del Comune ma rinnovarla nei servizi conservandone la pubblica utilità”.

Most Popular

Recent Comments