domenica, Giugno 16, 2024
HomeCalcioCalcio FemminileIl Venezia 1985 regge un tempo con la capolista Merano. Decisivi gli...

Il Venezia 1985 regge un tempo con la capolista Merano. Decisivi gli squilli di Nischler e Abler 2-0

Tempo di lettura: 3 minuti

MERANO – In uno splendido pomeriggio di sole, con una temperatura di ventiquattro gradi circa, le ragazze di mister Murru sono ospiti a Merano della capolista Meran Woman di mister Campolattano.

Le venete scendono al Combi dopo la manita rifilata domenica scorsa al Portogruaro Calcio Femminile nel derby. Mister Murru tenterà lo sgambetto alla prima della classe per non interrompere la striscia delle tre vittorie consecutive.

Il Merano torna fra le mura di casa dopo il pari ottenuto nei minuti di recupero in casa del Venezia FC. Le biancorosse, imbattute sin dalla prima di campionato, con sette vittorie ed un pareggio, puntano al bottino pieno per mantenere salda la testa della classifica.

Due le assenze di peso in casa Venezia, la bomber Conventi e Tosatto.

In campo sono le nero-oro a procurarsi la prima occasione pericolosa dopo appena due minuti: l’azione si sviluppa dalla destra con Tasso che lancia Canciello, il ventidue lagunare entra in area, viene contrastata dalla difesa, ma riesce ugualmente a calciare un diagonale insidioso, Valenti è attenta e devia in corner.

Dopo questa fiammata iniziale, le squadre si affrontano sulla mediana, con rovesciamenti di gioco ben contenuti dalle difese. Le formazione sono estremamente equilibrate ed il primo tempo si chiude senza azioni degne di nota, se non per un paio di tiri in porta del Venezia, neutralizzati senza problemi da Valenti.

Nella ripresa sono le padrone di casa a prendere in mano il pallino della partita.

Al 3’st il Merano sfiora il vantaggio: contropiede delle altoatesine in superiorità numerica, tre contro due, Paccagnella esce dai pali, Reiner prova da fuori area un pallonetto che colpisce la parte superiore della traversa. Il direttore di gara ferma il gioco per offside dello stesso numero nove biancorosso.

Passa solo un minuto e le sudtirolesi sbloccano il risultato: l’azione nasce da un cross dalla destra, il pallone esce fuori area e viene recuperata da Nischler che da limite dell’area sulla sinistra scaglia una precisa fiondata sul secondo palo che va ad infilarsi sul sette. Merano 1, Venezia 0.

Al 17’st il direttore di gara concede un penalty alla squadra di casa (dubbio secondo le ospiti): dagli undici metri è Nischler a prendersi carico della battuta, il tiro viene neutralizzato con un grandissimo intervento di Paccagnella che devia in corner.

Il raddoppio delle padrone di casa arriva proprio dal calcio d’angolo dalla precedente azione con una precisa incornata di Abler che al 18’st trafigge Paccagnella. Merano 2, Venezia 0.

Sono sempre le sudtirolesi a dettare il ritmo ed al 33’st si fanno nuovamente pericolose con un contropiede di Nischler che a tu per tu con Paccagnella tira, ma l’estremo difensore nero-oro riesce a deviare in corner.

Al 37’st le leonesse provano a reagire con un tiro a giro dai 25 metri di Canciello, ma il pallone esce di poco alla destra del portiere.

Le venete sfiorano la rete al 42’st: l’azione si sviluppa sulla sinistra con Scaroni, cross al centro, riceve Bortolato, scarica su Longato che spara a botta sicura, il pallone impatta sotto la traversa, la sfera rimbalza sulla linea di porta e Valenti para.

Arrembaggio finale delle lagunari al 45’st con Longato che entra in area, piazza il tiro, ma manca di precisione ed il pallone esce a fil di palo.

Al termine dei cinque minuti di recupero oltre il 90esimo concessi dal signor Dell’Oro, si conclude l’incontro.

Il Merano si aggiudica la posta in gioco ed allunga meritatamente la sua imbattibilità.

Dopo un primo tempo sostanzialmente equilibrato, le prime della classe mettono la freccia ed affondano le nero-oro con i due squilli di Nischler ed Abler.

Reazione d’orgoglio delle nero-oro che non riescono a concretizzare, complice anche un pizzico di sfortuna per la traversa di Longato sul finale. Risultato forse un po’ troppo pesante per quanto visto sul campo.

Si conclude così l’ottava giornata del campionato di Serie C femminile (girone b) con il Merano che continua a mantenere la vetta della classifica assieme al Bologna Woman a ventidue punti, il Venezia Calcio 1985 scivola al nono posto con dodici punti.

Nella nona giornata, le leonesse ospiteranno al Nereo Rocco lo Jesina, il Merano sarà ospite del Riccione.

TABELLINO

Formazioni:

Meran Woman: 12 Valenti, 25 Turrini, 2 Margesin, 14 Barbacovi, 11 Tschoell, 6 Abler, 13 Egger (17 Zipperle 29’st), 21 Peer (22 Pisoni 41’st), 20 Nischler, 74 Sartori (27 Francesconi 34’st), 9 Reiner. Allenatore: Campolattano

Venezia Calcio 1985: 1 Paccagnella, 6 Bortolato, 27 Vivian, 14 Baldassin, 4 Amidei, 22 Canciello (19 Boschiero 45’st), 90 Centasso, 20 Baldan (24 Conedera 32’st), 2 Gastaldin (23 Scaroni 25’st), 16 Tasso, 9 Longato. Allenatore: Murru

Marcatori: Tischler 4’st (MER), Abler 18’st (Mer)

Calci d’angolo: Meran Woman 5, Venezia Calcio 1985 6.

Note: 17’st Paccagnella para un calcio di rigore di Nischler.

Arbitro: D. Dell’Oro di Sondrio Assistenti: D. Testa di Merano e G. Cassata di Bolzano

Stadio: Stadio C. Combi di Merano

Most Popular

Recent Comments