domenica, Giugno 23, 2024
HomeNotizie Locali ItaliaVenezia MetropolitanaCade sul marciapiede di via Miranese, pensionata mestrina risarcita con 20 mila...

Cade sul marciapiede di via Miranese, pensionata mestrina risarcita con 20 mila euro

Tempo di lettura: 2 minuti

L’incidente è avvenuto nel 2017, ora arriva la sentenza favorevole del Tribunale 

MESTRE – Era ottobre 2017 quando L.G., a quel tempo 62enne impiegata mestrina, era rovinosamente caduta in via Miranese a causa del marciapiede dissestato. L’incidente le aveva provocato varie ferite e soprattutto una lesione al ginocchio già compromesso da altre problematiche. Ora, dopo cinque anni di battaglia contro il Comune di Venezia, la donna ha ottenuto giustizia dal giudice che le ha riconosciuto un risarcimento di 20 mila euro. Una somma di tutto rispetto che copre le spese sostenute e il danno subito.  

La donna ha affrontato tutta la fase stragiudiziale tramite lo sportello “risarcimento danni” di Adico e si è poi affidata al legale dell’associazione nella fase della causa in Tribunale. Il risultato di questo impegnativissimo lavoro di squadra è stato il riconoscimento delle responsabilità del Comune per una “insidia-trappola” che non poteva essere evitata dalla donna, a quel tempo impiegata ora pensionata, per una concomitanza di cause e in primo luogo per la presenza dei cassonetti della spazzatura che, con la loro ombra, hanno nascosto la buca.  

Come abbiamo detto più volte – commenta Carlo Garofolini, presidente dell’Adicole richieste di risarcimento per danni subiti dai cittadini sulle strade o sui marciapiedi vengono quasi sempre respinte al mittente dalle assicurazioni dei Comuni. Perciò quando si è convinti di avere ragione bisogna insistere e, dopo una iniziale fase di mediazione, se non si porta a casa nulla a livello stragiudiziale, bisogna andare in Tribunale. Come successo in questo caso visto che la nostra socia ha deciso di andare fino in fondo e ora ha ottenuto il meritato risarcimento con i tempi che, purtroppo, caratterizzano le cause in Italia”.  

L’incidente è avvenuto la mattina del 3 ottobre del 2017 in via Miranese. G.L. stava recandosi in bus al supermercato Lidl ma destino ha voluto che sbagliasse fermata e che scendesse a quella pima del punto vendita. Accompagnata da una conoscente incontrata per caso appena scesa dal mezzo, l’ex impiegata ha percorso qualche metro prima di cadere rovinosamente a terra per una buca coperta dall’ombra dei cassonetti dell’area ecologica.  Cadendo, la donna, oltre a perdere la scarpa, ha sbattuto la faccia per terra e si è ferita in più parti. Assistita da alcune persone presenti, ha poi deciso di prendere il bus e di recarsi al Pronto soccorso. Qui, dopo sette ore di attesa, è stata medicata per poi procedere con vari accertamenti nei giorni successivi. In particolare G.L. lamentava (e lamenta tuttora) difficoltà a camminare proprio per le lesioni al ginocchio. Da qui è iniziata la sua battaglia legale a fronte di una controparte più che mai decisa a non riconoscere le proprie responsabilità. Ci ha pensato allora il giudice a farlo, intimando qualche giorno fa il risarcimento di 20 mila euro.  

Most Popular

Recent Comments